Testosterone è in calo quando la dieta è povera di grassi

pillola-anticoncezionale-maschile-come-funziona
Immagini: iStock Photos

Cosa succede quando ci si indirizza verso un regime alimentare troppo povero di grassi? Una delle principali conseguenze in ambito sessuale è che il testosterone tende davvero a crollare. A dare supporto a questa tesi è uno studio che è stato recentemente portato a termine e che ha trovato spazio sul “Journal of Urology” e che è davvero molto interesante.

È verissimo che, per un gran numero di uomini che soffrono per la mancanza di testosterone, diminuire il proprio peso corporeo è una soluzione molto importante per alzare tali livelli. Il problema è che in determinate diete che sono veramente povere di grassi, c’è il rischio che il testosterone si riduca ancora di più.

La ricerca che ha messo in evidenza tale aspetto è quella pubblicata all’interno del portfolio Lippincott da Wolters Kluwer. La carenza di testosterone è una di quelle situazioni che non vanno assolutamente prese sotto gamba, visto che in caso contrario ci vuole davvero pochissimo per dover affrontare una serie di problematiche di salute più gravi.

Nel corso degli ultimi anni, diverse ricerche hanno messo in evidenza come un ridotto livello di testosterone negli uomini sia parecchio diffuso, molto di più di quello che si potrebbe pensare. Giusto per fare un esempio, negli Usa sono oltre mezzo milione gli uomini a cui viene individuata una carenza di testosterone ogni anno: non sono dati certamente molto rassicuranti.

Ebbene, per curare questa situazione non ci sono solamente le terapie a base di farmaci. Infatti, esistono dei trattamenti anche meno invadenti per cercare di ripristinare un corretto valore di testosterone. Tra gli altri, troviamo di certo il fatto di cambiare non solo lo stile di vita, ma anche il regime alimentare che viene seguito ogni giorno, senza dimenticare anche l’importanza di svolgere attività fisica ogni giorno.

Gli effetti che le diete hanno nei confronti dei livelli di testosterone, in realtà, non sono ancora stati analizzati con precisione. Il motivo principale che invita a prestare la massima attenzione è che il testosterone si caratterizza per essere un ormone steroideo che proviene dal colesterolo e, per questa ragione, modificare l’assunzione di grassi può comportarne una modifica.

Ecco dove si inserisce questo nuovo studio, che fornisce finalmente le prove di come un regime alimentare particolarmente povero di grassi, possa condizionare notevolmente i livelli di testosterone, abbassandoli, in confronto a chi, al contrario, segue una dieta che non prevede alcun tipo di restrizione di tale genere.

Commenti

commento