Scienza e sesso: nel 1990 sotto le coperte cinque volte al mese, oggi tre!

sesso e amore

Una ricerca che è stata portata a termine da parte dell’Università del Delaware ha messo in evidenza come il problema dell’intimità potrebbe avere un nome e un cognome. Insomma, chi ha messo in crisi i rapporti sotto le lenzuola delle coppie pare essere solo ed esclusivamente la tecnologia.

Sesso, nel 1990 si faceva molto di più!

Sì, avete capito benissimo ed è questo il motivo per cui nel 1990 si faceva l’amore almeno cinque volte ogni quattro settimane, mentre adesso invece questa statistica è calata a solamente tre volte al mese. L’Università del Delaware ha trovato l’inghippo, nonché la fonte del problema ed è proprio la tecnologia.

Una nuova ricerca

Quindi, tutto sarebbe legato al fatto di possedere un televisore. Infatti, tutti coloro che ne hanno uno in casa avrebbero il 6% in meno di avere un rapporto sessuale. È questo il risultato dello studio che è stato condotto da parte di un gruppo di ricercatori americani, che ha trovato successivamente spazio sulla nota rivista National Bureau of Economic Research.

Studio su quasi 4 milioni di persone

Lo studio ha preso in considerazione un notevole campione di soggetti: infatti, hanno preso parte alla ricerca addirittura quasi quattro milioni di persone, proveniente da 80 differenti nazioni. Ebbene, quello che è derivato dallo studio ha lasciato un po’ basiti anche gli stessi ricercatori americani.

Il confronto

Infatti, nel 2010 una persona ha avuto mediamente un rapporto sessuale qualcosa come tre volte ogni trenta giorni, in confronto invece alle cinque di media che erano state calcolate nel corso degli anni Novanta.

Si passa troppo tempo davanti alla tv

Quindi, stando a quanto è stato riportato dai ricercatori, pare che il tempo che viene impiegato a guardare la televisione oppure ad andare alla ricerca dei programmi preferiti non fa altro che togliere a qualcosa altro di un’importanza certamente maggiore. Il riferimento è ovviamente alla sfera sessuale.

Cosa fa la differenza

Secondo i ricercatori tutta questa differenza rispetto agli anni Novanta è colpa della tecnologia. Non c’è solamente la televisione, ma anche lo smartphone, che viene ribattezzato da più parte con un vero e proprio killer per l’intimità. Certo, lo studio ha messo in evidenza come si debba considerare alla stregua di una stima prudente in realtà.

Troppe distrazioni

Le coppie, di questi tempi, hanno fin troppe distrazioni legate alla tecnologia. C’è anche lo streaming con le varie serie tv. È sufficiente pensare come gli adulti a stelle e strisce passano oltre 11 ore al giorno davanti alla tv, oppure ascoltando o leggendo i vari media.

Commenti

commento