Orgasm gap, ecco come può rovinare la vita sessuale di una coppia

Si sente parlare sempre più spesso ultimamente dell’orgasm gap e di come possa provocare diversi danni alla vita sessuale di una persona. Si tratta dell’egoismo, in sostanza, che diventa ancora più pericoloso nel momento in cui si riferisce al sesso, al punto tale da potersi trasformare in una sorta di spada di Damocle che potrebbe far crollare tutta la propria vita e intesa sessuale.

Non c’è nulla da fare: sia gli uomini che le donne sono soliti sperimentare l’orgasmo in maniera completamente differente quando hanno rapporti sessuali. Secondo tanti raggiungere l’orgasmo per un uomo è decisamente più semplice, come se fosse quasi una sorta di abbraccio.

In realtà, però, raggiungere un orgasmo con grande facilità non è il motivo per cui la donna con cui si sta avendo un rapporto sessuale debba essere trattata alla stregua di una bambola del sesso. È bene riconoscere come anch’essa abbia dei bisogni che devono essere soddisfatti e, di conseguenza, è facile che si creino incomprensioni e problematiche di fondo.

Un gran numero di ricerche scientifiche non ha fatto altro che confermare come uomini e donne diano una risposta differente in ambito sessuale. Di conseguenza, è facile comprendere come riescano ad arrivare all’orgasmo in modo del tutto diverso, incluse le tempistiche. Il fatto di non andare “in sincrono” da quel punto di vista può rappresentare un problema di non poco conto per tantissime coppie che, con il passare del tempo, tendono a diventare insoddisfatte e ad abbandonare la propria vita sessuale.

Quindi, si parla proprio di orgasm gap in riferimento a tale situazione. I vari gruppi di ricercatori sono giunti alla conclusione che c’è un’importante differenza tra la frequenza con cui gli uomini e le donne vivono l’esperienza dell’orgasmo, in modo particolare all’interno del sesso eterosessuale.

Infatti, le donne presentano un numero di orgasmi costantemente più basso in confronto ai partner maschili. Una nuova ricerca ha messo in evidenza come solamente il 39% delle studentesse universitarie, in confronto addirittura al 91% dei loro colleghi maschietti, ha ammesso di aver avuto sempre un orgasmo nel corso di un rapporto intimo con il proprio partner.

Una ricerca dell’Archives of Sexual Behaviour ha messo in evidenza come il 95% degli uomini riesce ad arrivare all’apice del piacere tramite il sesso, ma invece questa percentuale scende notevolmente con le donne, che solamente nel 65% sperimentano l’orgasmo durante la penetrazione. Parzialmente, la colpa è proprio anche degli uomini che, una volta raggiunto l’orgasmo, sono convinti di aver terminato il loro dovere.

Commenti

commento