Maturità, ecco perché il sesso migliora anziché peggiorare!

Sesso dopo i 50 anni

Pensate che il sesso sia un’esclusiva delle persone giovani? Non sapete quanto vi state sbagliando in questo momento a sostenere questo tipo di argomentazioni. Scordatevi un film che ha avuto un enorme successo qualche decennio fa, ovvero il “Tempo delle mele”. Al giorno d’oggi diverse ricerche hanno messo in evidenza come il periodo migliore per fare sesso sia quello della maturità.

Età della maturità, perché il sesso viene visto con occhi diversi

Sono tante le persone, nonostante tutte, che si vergognano a pensare al sesso come uno svago una volta raggiunta una certa età. Anzi, per tanti diventa quasi una cosa fuori luogo, che non deve essere più vissuta con tanta leggerezza come quando si era ragazzi. Non c’è veramente nulla di più sbagliato di tale affermazione.

Cosa dicono le varie ricerche

Infatti, gli anni che caratterizzano la maturità, è stato dimostrato da vari studi, sono quelli più adatti per poter toccare finalmente con mano il picco del massimo piacere, ma anche dell’appagamento e della consapevolezza. Il sesso non è altro che un grande viaggio, che permette anche di conoscere meglio sé stessi, andando “all’avventura” e sperimentando, sempre con tanto entusiasmo.

Cadono tutte le barriere

Una volta che trascorre indenne il periodo dei venti e dei trent’anni, ecco che gran parte degli imbarazzi, così come delle eterne insicurezze che caratterizzano tutti questi anni se ne vanno esattamente come sono venute. Mancano i giudizi sul proprio aspetto e si comincia ad approcciarsi al sesso davvero da un altro tipo di prospettiva.

Migliora il rapporto con il proprio corpo

Il rapporto con il proprio corpo, nella maggior parte dei casi, è di gran lunga migliore. Ed è chiaro come, aumentando la consapevolezza, non si può non finire per portare ad un incremento incredibile anche della propria autostima. Inoltre, con il passare degli anni, diminuisce anche uno dei problemi più sentiti in età adolescenziale, ovvero l’ansia da prestazione.

Il sesso diventa un’esperienza più profonda

Nel momento in cui si raggiunge l’età della maturità, infatti, il sesso rappresenta senz’altro sempre un mezzo per poter raggiungere il piacere, ma al tempo stesso diventa un’esperienza notevolmente più profonda e quasi mistica. Con la maturità degli anni che avanzano, ci sono meno freni inibitori e ci si lascia andare con maggiore facilità.

Riscopriamo l’intimità nella terza età

Inoltre, con il passare degli anni, tanti tabù cadono e, di conseguenza, ecco che le fantasie erotiche impazzano. Tantissime pratiche, giusto per fare un esempio come lo scambio di coppia, crescono in maniera sensibile e considerevole una volta che i partner hanno raggiunto l’età della maturità. E la scienza lo conferma: la terza età si può ancora rivelare molto soddisfacente dal punto di vista intimo.

Commenti

commento