Attività sessuale costante, in alcuni casi può pure curare delle patologie!

Durata del rapporto sessuale

Sembra incredibile, eppure grazie ad un’attività sessuale costante, potrebbero essere addirittura curate delle malattie. Non è uno scherzo, anche perché non siamo ad inizio aprile, ma è una scoperta rivoluzionaria che è stata fatta da un gruppo di scienziati.

Attività sessuale costante, un nuovo studio dice che… aiuta a curare le malattie!

Infatti, stando ad un articolo che è stato diffuso sulla nota rivista Bulletin of Experimental Biology and Medicine, questa sarebbe la conclusione a cui è giunto un gruppo di ricercatori. Secondo quanto riportato dallo studio, gli orgasmi regolari sono una vera e propria panacea che permette di combattere lo stress.

Diminuire la sensibilità al dolore

Al tempo stesso, avere un’attività sessuale costante permette anche di diminuire notevolmente la sensibilità al dolore, grazie all’importante quantità di endorfine che viene prodotta dal corpo. Sempre secondo la ricerca in questione, le persone che riescono a fare sesso almeno una o due volte a settimana possono contare su un valore di immunoglobulina A più alto del 30% in confronto a tutti coloro che fanno sesso molto meno regolarmente.

Perché succede tutto questo?

Questo effetto insorge per via di un motivo ben preciso. Ovvero, nel momento in cui si finisce sotto le coperte per fare sesso, all’interno del corpo umano vengono ad attivarsi decine e decine di muscoli, di cui la maggior parte non vengono allenati mentre si va in palestra. Tra i maggiori e più diffusi benefici troviamo certamente quelli relativi all’apparato cardiaco e sui vasi sanguigni, senza dimenticare la stimolazione alla crescita di nuovi capillari.

L’effetto benefico sui calcoli renali

Tutto questo deriva da una ricerca che è stata svolta da un gruppo di scienziati della Turchia. Sembra che tra gli effetti benefici ce ne sia uno in modo particolare che è stato sempre preso poco in considerazione fino ad ora. Ovvero, un’attività sessuale costante può dare una grande mano per l’eliminazione dei calcoli renali.

Normalizza il ciclo mensile

Quindi, una persona di sesso femminile che trascorre una quotidianità o comunque una settimana ricca di sesso e costante, è in grado di normalizzare il ciclo mensile. Di conseguenza, il beneficio si riflette anche sul livello di intensità del dolore che si percepisce nel corso delle mestruazioni. I medici non hanno certamente terminato la lista degli effetti benefici, che va avanti ancora per molto. Tra i benefici che hanno certamente impressionato di più ce n’è uno in modo particolare. Ovvero, il sesso rappresenta il farmaco maggiormente efficace nei confronti della prostatite.

Commenti

commento